16 Dicembre 2015 Gianluigi Zanovello

Resilienza e management

Resilienza e Management. Trasformare le difficoltà in opportunità.

La resilienza riguarda il manager? Sì. Leggi, e capirai perchè.

Perchè parliamo qui di resilienza applicata al management? Digitalizzazione, globalizzazione, multietnia, multicultura, tecnologia, crisi energetica, svalutazione…. Sopravvivere, vivere,  avere successo, sono imprese difficili. Lo sono per un singolo individuo; lo sono ancora di più per un’azienda che vuole imporsi sulla scena nazionale o estera.

Le sfide quotidiane che devono essere affrontate oggi sono multidimensionali e omnidirezionali e sono accelerate dalla velocità alla quale la cosiddetta modernità ci ha abituati.

In questo scenario se sei un manger e non hai a disposizione gli strumenti adeguati e le necessarie conoscenze rischi di non riuscire a gestire un simile livello di complessità, vanificando gli sforzi profusi, sprecando energie e risorse.

Eppure questa evoluzione del mondo e del mercato – per certi versi controversa-  rappresenta per te una grande opportunità se scegli di affrontare la sfida. Se scegli di cogliere e ottenere il massimo rendimento da ogni occasione.  Si aprono scenari e opportunità.  Ti senti pronto per questo?

In questo contesto diventano decisivi:

  • la tua capacità di resistere alla variabilità quotidiana;
  • la tua capacità di adattarti in “tempo reale” ai cambiamenti,  di riuscire a comprenderli e a trarne profitto;
  • il tuo talento nel trasformare le difficoltà in opportunità.

  L’insieme di queste qualità personali diventa la “conditio sine qua non” per raggiungere il successo.

L’insieme di queste qualità personali, e questo modo di affrontare le avversità e le difficoltà del mondo globalizzato hanno un nome: resilienza.

Il concetto di resilienza è ancora argomento di studio e ricerca. Scienziati, analisti ed esperti stanno cercando di definire il termine, le sue origini, le sue implicazioni e  i vari aspetti della sua applicabilità.

Il termine “resilienza” deriva originariamente dal settore metallurgico.

Nella tecnologia metallurgica la resilienza indica la capacità di un metallo di resistere alle forze e alle pressioni cui viene sottoposto. Parlare di resilienza di un metallo significa definirne tutte le qualità antinomiche rispetto alla fragilità.

Etimologicamente il termine “resilienza” deriva dal latino “resilire”, equivalente a “rimbalzare”, “saltare indietro”.  Qualcuno propone un collegamento suggestivo tra il significato originario di “resalio”, che definiva il movimento di colui che risaliva sull’imbarcazione capovolta dalla forza del mare, e l’attuale utilizzo in campo psicologico: entrambi i termini indicano l’atteggiamento dell’individuo o del sistema che è in grado di andare avanti senza arrendersi, nonostante le difficoltà. Sono persone resilienti quelle che, immerse in circostanze avverse, riescono nonostante tutto e talvolta contro ogni previsione, a fronteggiare efficacemente le contrarietà, a dare nuovo slancio alla propria esistenza e perfino a raggiungere mete importanti.

Attualmente si parla di resilienza:

  • in ingegneria, come la capacità di un materiale di resistere ad una sollecitazione esterna assorbendone  e restituendo l’energia;
  • in psicologia, come la capacità di saper affrontare eventi traumatici reagendo e riorganizzando la propria vita di fronte alle difficoltà;
  • in biologia o ecologia,  come la capacità della natura di sapersi riorganizzare di fronte a situazioni avverse e ritornare alla propria attività modificando il proprio stato iniziale.

In linea generale, per resilienza si può intendere la capacità – propria di un sistema, di un individuo, di un’organizzazione-  di resistere agli urti e agli eventi traumatici, adattandosi ai cambiamenti, sviluppando energia positiva in grado di garantire sopravvivenza, futuro e successo.

Esempi positivi di resilienza possono essere rintracciati in ogni settore.  Tra i casi più significativi è possibilie citare quello dell’Aviazione Civile: la resilienza applicata agli uomini e al sistema ha fatto sì che oggi si possa affermare, senza timore, che l’aeroplano è il mezzo di trasporto piú  sicuro al mondo.

Questo, tra l’altro, ha permesso di capire che anche altri settori, strettamente collegati alla sicurezza (Safety) e alla ormai indispensabile efficienza (la sanità, l’industria, lo stesso sistema politico ed economico) possano trarre grande vantaggio dall’adozione di un atteggiamento resiliente di fronte alle pressioni, allo stress e ai cambiamenti.

Quello che è importante sottolineare è che questo modo di affrontare con resilienza quotidiana le complessità e le avversità della vita può essere applicato, positivamente, a qualunque settore.

In sostanza, un’azienda, un’impresa, una attività commerciale che ha una sviluppata capacità resiliente è quella che con piú probabilitá sará in grado di resistere ai problemi del cosidetto “day-to-day business” e di navigare nelle crisi con piú sicurezza e successo.

Come ben ha sottolineato recentemente Gudela Grote, “full professor” alla Work and Organizational Psychology at the Department of Management, Technology, and Economics   “Non vi è dubbio che la Resilienza sia un requisito fondamentale per la gestione dei rischi di oggi e di domani nel sempre più complesso sistema socio-tecnico mondiale ”.

Resilire dunque!

  • anticipate (anticipa)
  • organize (organizza)
  • adapt (adatta)

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Gianluigi Zanovello

Gianluigi Zanovello, friulano, attualmente Comandante dell’Aviazione Civile, ex pilota Militare con esperienza pluriennale su velivoli ed elicotteri. Ha fatto parte della Pattuglia Acrobatica Nazionale - Frecce Tricolori per 10 anni occupando varie posizioni, tra le quali Leader della formazione in volo e Comandante dell’intero Gruppo. All’interno dell’Aeronautica Militare, ha ricoperto il ruolo di Comandante del Reparto Sperimentale di Volo e altri incarichi dirigenziali, sviluppando una grande esperienza operativa e di gestione di uomini e mezzi. Da molti anni, occupandosi di Non Technical Skills e di Human Factor ha saputo trasmettere le sue competenze, sviluppate nell’ambito dell’Aviazione, ad altri settori di applicazione. Collabora attivamente con Università, Ospedali e Aziende pubbliche e private, ove Sicurezza, Efficacia ed Efficienza sono dei must irrinunciabili, soprattutto nelle situazioni di rischio, elevato workload e stress.